Vuoi sapere

Le vene varicose, oltre ad essere un fastidioso inconveniente estetico, rappresentano una patologia vascolare di grande rilievo che interessa soprattutto le donne. Si tratta di dilatazioni permanenti delle pareti venose che colpiscono essenzialmente gli arti inferiori (grande o piccola safena e/o loro tributarie). La comparsa delle varici è principalmente dovuta a fattori di ordine genetico che portano ad assottigliare le pareti delle vene e a far perdere di funzionalità le valvole e i condotti venosi che, in posizione eretta, facilitano il ritorno del sangue dagli arti inferiori al cuore (insufficienza venosa).e Vene varicose sono dilatazioni delle pareti venose e sono dovute a diversi fattori. Predisposizione genetica, posture sbagliate, un’alimentazione scorretta e la mancanza di esercizio fisico, sono solo alcuni dei fattori che favoriscono il ristagno dei liquidi negli arti inferiori e una peggiore funzionalità del micro-circolo con conseguente sensazione di gonfiore e dolore delle gambe, condizione che può sfociare nella comparsa delI sintomi delle vene varicose

I sintomi che derivano dalle varici sono comuni e di frequente riscontro: senso di pesantezza e gonfiore delle gambe, edema dei piedi e caviglie, formicolio, bruciori, crampi notturni e prurito.le varici.Diagnosi

Una buona visita medica è sufficiente a stabilire quale grado le varici abbiano raggiunto e quale rischio comporta tenerle. Dalla visita deriva anche la scelta della terapia.
Paginemediche.it